Da Visitare

Piazza Armerina

Piazza Armerina è uno tra i più importanti comuni della Sicilia. Completamente distrutta dai normanni guidati da Guglielmo  I, venne riedificata subito dopo per avere il suo massimo splendore nel periodo barocco. Caratterizzata da uno straordinario patrimonio culturale e architettonico, è ricchissima di chiese.

Tra gli edifici più interessanti la chiesa di S. Andrea, del 1096, in stile romanico, il duomo costruito su progetto del Torriani nel XVI secolo, il castello Aragonese del XII secolo.
La storia della città di Piazza (la voce Armerina fu aggiunto nel 1862) ha inizio nel periodo normanno, ma il suo territorio fu abitato fin dalla preistoria, come dimostrano i ritrovamenti archeologici di Monte Navone e, soprattutto, di Montagna di Marzo. In epoca romana ebbe un periodo fiorente come testimoniano i ritrovamento della splendida Villa romana del Casale dell'inizio del IV secolo d.C., con la più grande estensione di pavimenti mosaicati del. Nel corso dei secoli ha subito alterne vicende, ma ha spesso svolto ruoli politici di prestigio e la sua vita culturale ed economica è stata sempre particolarmente attiva, tanto da meritarsi l'appellativo di "città opulentissima" da parte dell'imperatore Carlo V.20.000 ettari di verdi e lussureggianti boschi mitigano il clima della città durante le calde giornate estive e la rendono località ideale di villeggiatura. E il posto ideale per chi voglia trascorrere una piacevole vacanza all’insegna del relax e della cultura. Essa è, infatti, un felice connubio tra l’opera della natura e l’intervento dell’uomo.E’anche una interessante città d’arte e ed i suoi numerosi monumenti, che rappresentano un patrimonio culturale inestimabile, meritano di essere riscoperti.
Piazza Armerina fa parte dei cosiddetti "comuni lombardi" di Sicilia, il cui vernacolo, chiamato anche "gallo-italico", ha poco a che fare con gli idiomi indigeni e molto invece con quelli delle regioni settentrionali piemontesi, in particolare delle zone del Monferrato.
Il fatto è spiegabile storicamente per essere stata distrutta dal re normanno Guglielmo I per punirla della sua ribellione e successivamente ricostruita più in alto da Guglielmo II sul colle Armerino, e popolandosi con gente proveniente dalle aree "longobarde" settentrionali.

© 2016 Romaland Piazza Armerina. All Rights Reserved. Web Design Studioinsight.it

INFORMATIVA: Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.